Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Regolamento

 

Allegato 1 alla D.G. n° 25 del 31.01.2018

 

REGOLAMENTO GENERALE DELLA 34^ RASSEGNA AGRICOLA CENTRO ITALIA

11, 12 e 13 maggio 2018

 

Art. 1 – Manifestazione

La 34^ RACI - Rassegna Agricola Centro Italia viene organizzata del Comune di Macerata, presso il Centro Agricolo Commerciale di Villa Potenza (MC) nei giorni 11, 12 e 13  maggio 2018.

 

Art. 2 – Ammissioni

Sono ammessi alla Rassegna esclusivamente i produttori, ovvero i loro rappresentanti generali o locali all’uopo delegati, che operano nei settori dell’agricoltura, della zootecnia e dei settori espositivi di cui all’art. 5, previa presentazione della richiesta di partecipazione entro il 7 aprile 2018 e previo pagamento delle spettanze previste al successivo art. 12.

Sono inoltre ammessi: enti, istituti, consorzi ed organismi in genere che, occupandosi del settore agricoltura e turismo rurale, vengono invitati dal Comune a partecipare alla RACI con stand divulgativi.

La certificazione della Camera di Commercio o altra documentazione da cui risulti che l’espositore riveste la qualifica di produttore o di suo rappresentante generale o speciale, deve essere tenuta a disposizione ed esibita se richiesta, durante la manifestazione.

Gli espositori sono tenuti al rispetto della normativa vigente in materia sanitaria, fiscale e commerciale e rispondono direttamente ed esclusivamente per qualsiasi, eventuale, violazione accertata.

 

Art. 3 – Richiesta di partecipazione

La richiesta di partecipazione costituisce impegno definitivo ed accettazione del presente Regolamento Generale e di tutte le norme e disposizioni che il Comune ritenesse opportuno di emanare, anche successivamente, per meglio regolare la Rassegna ed i servizi inerenti.

Il Comune decide insindacabilmente sull’accettazione della richiesta.

E’ facoltà del Comune variare in qualsiasi momento e per qualsiasi motivo gli spazi espositivi assegnati, esclusivamente per la buona riuscita della manifestazione.

Per la prenotazione dello spazio espositivo il richiedente è tenuto a presentare domanda di iscrizione entro il 7 aprile 2018 compilando il modulo presente sul sito raci.comune.macerata.it. La quota d’iscrizione del costo di 50 € più iva dovrà essere versata contestualmente al pagamento dello spazio concordato con l’organizzazione entro e non oltre il 20 aprile 2018.

 

 

Art. 4 – Disdetta

L’espositore che abbia prenotato l’area espositiva pagando la relativa quota di iscrizione può disdire

la prenotazione, con lettera raccomandata o pec, entro e non oltre il QUINDICESIMO giorno antecedente l’inizio della manifestazione. In tal caso l’espositore si vedrà rimborsato esclusivamente il costo del posteggio mentre la quota d’iscrizione verrà incamerata dall’ente organizzatore. Le disdette pervenute oltre il suddetto termine e non oltre il terzo giorno antecedente l’inizio della Rassegna che siano comprovate da motivi di forza maggiore, comportano per l’espositore l’obbligo di pagare il 25% del diritto di posteggio.

La prenotazione di spazi effettuata dopo il 20 aprile è accolta con riserva.

 

Art. 5 – Categorie merceologiche

L'ente organizzatore si riserva la facoltà di ridurre unilateralmente la quantità di spazi prenotati al fine di consentire la partecipazione alla Rassegna del maggior numero possibile di espositori.

L’espositore è tenuto a presentare i propri prodotti indicati nella richiesta di partecipazione, nel settore merceologico al quale viene assegnato. È vietata l’esposizione di prodotti di seconda mano, ricostituiti o ricondizionati. Anche gli espositori di macchinari sono tenuti ad esporre soltanto beni di nuova produzione, sono esclusi i macchinari usati.

L'espositore è tenuto a tenere aperto il proprio stand dalle ore 8,30 alle 20,00 di tutti e tre i giorni della fiera.

L’inosservanza di tali norme dà luogo alla chiusura del posteggio per colpa dell’espositore senza rimborso delle quote pagate e salvo ogni danno per l'ente organizzatore.

 

A tutela del contenuto specialistico della manifestazione possono essere ammesse all’esposizione soltanto i seguenti prodotti e/o servizi, compresi nei seguenti raggruppamenti merceologici:

 

Agroalimentare:

- produzioni del territorio “filiera corta”;

- produzioni biologiche;

- salone del vino curato dall’IMT _ Istituto Marchigiano Tutela vini;

- anteprima della “Rassegna Nazionale degli oli monovarietali” curata dall'ASSAM della Regione Marche;

- prodotti agroalimentari tipici;

- prodotti agroalimentari artigianali caratteristici per il territorio di provenienza;

- prodotti del territorio i cui produttori hanno stipulato accordi di fornitura per eventi enogastronomici caratterizzati dal marchio “Momenti del gusto”.

 

Zootecnia

- Bovini, equini, ovini, suini, animali di bassa corte, selvaggina, ecc.

- attrezzature, prodotti e servizi per la zootecnia e per i piccoli allevamenti domestici

- prodotti veterinari e mangimistica

 

Meccanizzazione agricola per coltura estensive industriali

- mezzi ed attrezzature per gli agricoltori

- accessori per l'agricoltura e pezzi di ricambio

 

Turismo rurale, ecoturismo e turismo attivo

- organismi per la gestione dell'area promozione turistica del territorio rurale, quali: I.A.T., parchi,

riserve, U.N.P.L.I., istituti, ecc.

- organismi per la promozione delle attività sportive “out door” ed escursionistiche, nonché per la gestione di animazioni turistico-sportive in ambito RACI, quali: CONI, associazioni sportive ed escursionistiche, ecc.

- prodotti ed attrezzature per attività sportiva “out door” ed escursionistica

 

Settori collaterali

- Area istituzionale curata in collaborazione con le organizzazioni di categoria, Regione Marche, atenei, istituti, associazioni, ecc.

- agriturismo, bioedilizia, bioenergia

- arredo verde

- attrezzatura, prodotti e servizi per l'irrigazione

- attrezzature e prodotti per le coltivazioni biologiche

- attrezzature e prodotti per l'ortofrutticoltura e il vivaismo

- Equitazione – abbigliamento e attrezzature

- macchine, attrezzature, prodotti e servizi per il giardinaggio e la cura del verde

- processi integrati di filiera

- prodotti e servizi per la cura e la gestione del territorio

- ricerca, formazione, istituti, servizi inerenti i settori merceologici

- tecnologie per l'attività forestale.

 

L’area fieristica è suddivisa nei seguenti settori merceologici:

 

SETTORE “A “ – area zootecnica: bovini, ovini, suini, equini.

SETTORE “A1“ - area zootecnica: animali di bassa corte - selvaggina - attrezzature avicunicole ed attività connesse.

SETTORE “B “ – area “Gusti e sapori della Terra delle Armonie”: produzioni agricole di filiera corta, produzioni biologiche, fattorie didattiche, laboratori culinari ed artigianali, vetrina di vini ed oli, istituzioni, ecc.

SETTORI “C“, “C1” – Piccola attrezzatura agricola e da giardinaggio – riscaldamento serre e climatizzazione ambienti agricoli - utensileria agricola - piante da esterno, attività di ristorazione

SETTORI “ D“, “D1”– attrezzature per attività turistico-sportive “out door” ed escursionistiche, Artigianato agricolo e prodotti agroalimentari di qualità - acquacoltura - elicicoltura - sementi - mangimi - apicoltura - erboristeria e piante officinali - piccole attrezzature agricole elettroniche particolarmente delicate - editoria esclusivamente riferita all’agricoltura, al giardinaggio ed alla zootecnia - piccola attrezzatura enologica - fito-farmaci - concimi e terricci – produzioni agroalimentari tipiche regionali, florovivaismo, piante da interno, fiori recisi - ortofrutticoltura.

SETTORE “ E“ - Macchine agricole nuove di medie e grandi dimensioni (con esclusione pertanto  dell’usato, comunque revisionato o rigenerato).

SETTORE “F” - Area equestre.

 

Art. 6 –Posteggi

Le aree sono messe a disposizione dell’espositore il giorno prima dell'inizio della Rassegna, ed i posteggi devono essere pronti, nel loro allestimento e nella loro presentazione, entro le ore 20,00 del giorno antecedente l’inaugurazione della manifestazione, fissata per venerdì 11 maggio 2018.

I posteggi non occupati entro tale orario sono considerati abbandonati e si intendono rimessi a disposizione dell'ente organizzatore che può disporre a proprio piacimento senza alcun obbligo di rimborso. I posteggi sono concessi esclusivamente per l’area e la posizione assegnate. Una volta allestito il posteggio non può essere più modificato fino alla fine della fiera specie se l'espositore utilizza un automezzo attrezzato quale stand. 

Per esigenze tecniche e merceologiche, l'ente organizzatore si riserva la facoltà di cambiare o ridurre, ove occorra, il posteggio già assegnato, anche trasferendolo in altra area, e ciò senza diritto per l’espositore a indennità o risarcimento, per nessun motivo.

La cessione anche a titolo gratuito, sia pure parziale, dei posteggi, è vietata. È vietato, altresì,

l’accesso dei venditori ambulanti all’interno dell’area fieristica e nei piazzali circostanti. Il volantinaggio e la distribuzione di materiale pubblicitario all'interno dell'area fieristica e nelle adiacenze degli ingressi è consentito solo se autorizzato dall'Organizzazione.

 

Art. 7 – Accessi e allestimenti

Per gli espositori ed i loro incaricati o collaboratori, comunque possessori della “tessera espositore”,

l’accesso al settore potrà avvenire entro la mezz’ora prima dell’orario di apertura; l’uscita dal padiglione dovrà avvenire entro la mezz’ora successiva alla chiusura. L’ente si riserva il diritto insindacabile di modificare gli orari sopra esposti, nonché di sospendere l’ingresso agli operatori ed

ogni attività mercantile per periodi determinati, per esigenze organizzative.

 

Nei riquadri degli allestimenti, dei fondali e dei divisori, gli Enti prescrivono:

A. L’allestimento dei posteggi è, in generale, consentito fino a m. 3 dal suolo. I fondali, i divisori ed ogni materiale o elemento di allestimento, devono essere rifiniti a regola d’arte anche sui lati esterni del posteggio e non possono essere ancorati alle strutture; nell’allestire i posteggi, gli standisti non potranno fare ancoraggi a terra che modifichino, rovinandola, l’attuale pavimentazione.

B. La costruzione e l’allestimento di strutture prefabbricate, tensostrutture, chioschi, tettoie,

strutture pubblicitarie ecc., sono subordinati all’autorizzazione dell’organizzazione che deve essere richiesta prima di iniziare i lavori e accompagnata dal relativo progetto corredato dai calcoli statici.

Le autorizzazioni e gli interventi dell'ente organizzatore, non comportano per la stessa, a qualsiasi titolo, alcuna responsabilità, rimanendo questa, in ogni caso, a carico dell’espositore;

C. Tutti i materiali di allestimento devono essere incombustibili, autoestinguenti e ignifugati all’origine ed a tale scopo l’espositore è tenuto a trasmettere all'ente organizzatore il certificato di ignifugazione ed il rapporto di prova sui materiali usati. I componenti degli allestimenti, nonché materiale e macchinari in esposizione, devono essere costituiti da elementi già predisposti e rifiniti, in modo che comportino, solo operazioni di semplice montaggio e ritocco finale;

D. L'ente organizzatore, si riserva a proprio insindacabile giudizio, la facoltà di elevare addebiti all’Espositore che abbia provocato, sia in fase di montaggio che di smontaggio, un qualsiasi danno alle strutture o attrezzature.

Sono a carico dell’espositore tutti gli oneri per l’invio dei materiali da esporre ed il relativo ritiro al termine della manifestazione, come pure tutte le prestazioni di mezzi meccanici di carico e scarico e le pratiche ferroviarie, doganali e portuali, gli allestimenti dell’area, i servizi, gli addobbi ed eventuali oneri SIAE. L’Espositore è tenuto, inoltre, al rimborso dei danni eventualmente e comunque arrecati in conseguenza della propria attività, ai beni dell’Ente o di Terzi. Inoltre sono di esclusiva competenza dell’espositore l’emissione di tutti i documenti fiscali che accompagnano i prodotti esposti, sia in entrata che in uscita dalla Fiera.

E. Negli allestimenti non sono consentiti colori e materiali in contrasto con il nuovo layout scelto per la manifestazione che si ispira ai colori della natura, dell’ambiente, del mondo agricolo e silvo-pastorale.

 

 

Art. 8 – Danni

Ogni responsabilità in ordine alla statica degli allestimenti è posta a carico dell’Espositore, il quale esonera espressamente l'ente organizzatore per danni eventualmente provocati a sé medesimo o a terzi da difetti dell’allestimento causati da calcolo errato o costruzione imperfetta.

 

Art. 9 – Sgombero

I lavori di smobilitazione e sgombero al termine della manifestazione potranno avere inizio dalle ore 21,00 alle ore 22,00; potranno uscire dal padiglione espositivo solo colli a mano; sarà vietato l’ingresso a qualsiasi mezzo. Nel giorno successivo le operazioni di sgombero potranno avvenire dalle ore 08,00 alle ore 20.00. In ogni caso lo sgombero dello stand è subordinato alla regolarizzazione di tutti i sospesi contabili. In difetto, l’organizzazione si riserva il diritto di procedere allo smontaggio delle strutture e dell’immagazzinamento, senza alcuna responsabilità ed a spese, rischio e pericolo dell’inadempiente. Trascorsi due mesi, gli oggetti che non fossero reclamati potranno essere venduti all’asta ed il ricavo al netto di ogni spesa e di eventuali diritti a favore dell'ente organizzatore, accreditato a favore dell’Espositore.

 

Art. 10 – Restituzione area espositiva

È fatto obbligo all’Espositore, di riconsegnare il posteggio nello stato in cui gli è stato affidato.

L’inosservanza, dà facoltà all'ente organizzatore di rivalersi anche su quanto in fiera è di proprietà dell’Espositore, vietandone il ritiro salvo ogni altro diritto.

 

Art. 11 – Tariffe

L’assegnazione dei posteggi comporta inoltre per l’espositore, il pagamento del diritto di posteggio

determinato secondo le seguenti tariffe:

SETTORE

merceologico

DESCRIZIONE

Tariffa

al Mq.

SETTORE A1)

Animali di bassa corte - selvaggina - attrezzature avicunicole ed attività connesse.

7,00

SETTORE C

Piccola attrezzatura agricola e da giardinaggio - riscaldamento serre e climatizzazione ambienti agricoli - utensileria agricola - piante da

esterno.

11

SETTORI C1

Piccola attrezzatura agricola e da giardinaggio - riscaldamento serre e climatizzazione ambienti agricoli - utensileria agricola - piante da

esterno.

7,5

SETTORI C

Attività di ristorazione

16,5

SETTORE D

Attrezzature per attività turistico-sportive “out door” ed escursionistiche, Artigianato agricolo e prodotti agroalimentari di qualità - acquacoltura - elicicoltura - sementi - mangimi - apicoltura - erboristeria e piante officinali - piccole attrezzature agricole elettroniche particolarmente delicate - editoria esclusivamente riferita all’agricoltura, al giardinaggio ed alla zootecnia - piccola attrezzatura enologica - fitofarmaci - concimi e terricci – produzioni

agroalimentari tipiche regionali, florovivaismo, piante da interno, fiori recisi - ortofrutticoltura.

16,5

SETTORE D1

Attrezzature per attività turistico-sportive “out door” ed escursionistiche, Artigianato agricolo e prodotti agroalimentari di qualità , ecc.

11

SETTORE E

Macchine agricole nuove di medie e grandi dimensioni (con esclusione pertanto dell’usato, comunque revisionato o rigenerato).

4,00

 

SETTORE F

Area equestre – a box.

50,00

 

La presenza degli allevatori e dei capi di bestiame è prevista all’interno del padiglione all’uopo predisposto.

 

Art. 12 – Pagamento

Il pagamento della quota d’iscrizione e del diritto di posteggio, il cui importo sarà comunicato all’espositore, unitamente all’accettazione della prenotazione ed assegnazione dello spazio espositivo, dovrà essere effettuato esclusivamente secondo le modalità indicate dall'ente organizzatore e trasmesso entro e non oltre il 20 aprile 2018.

Il mancato invio della suddetta ricevuta, comporterà per l’Espositore, il divieto di accedere nell’area

espositiva. Non è valida nessuna altra forma di pagamento.

L'ente organizzatore, avvalendosi anche della collaborazione degli organi di Polizia, consentirà l’accesso all’area espositiva soltanto agli espositori in possesso della fattura di pagamento completa

delle informazioni necessarie (n. posteggio, metri quadrati, importo, azienda).

 

Art. 13 – Orari di apertura

La Fiera è aperta al pubblico dalle 9.00 alle ore 20.00 (l’espositore ed il personale di servizio potranno accedere in Fiera e dovranno lasciare la stessa rispettivamente mezz’ora prima dell’apertura e mezz’ora dopo la chiusura al pubblico). L'ente organizzatore però, si riserva il diritto insindacabile di modificare tale orario, nonché di sospendere l’entrata al pubblico ed ogni attività mercantile, per periodi determinati o per esigenze eccezionali.

 

Art. 14 – Biglietteria

All’entrata della Fiera è istituita una biglietteria.

Per visitare la Rassegna l’utente paga un biglietto di € 5,00 singolo.

L’ingresso è gratuito per le scolaresche, per i ragazzi fino ai 14 anni di età, per persone diversamente abili e ridotto, ad un costo di € 3,00, per le persone con più di 65 anni.

L'organizzazione si riserva di prevedere riduzioni del biglietto per categorie di visitatori o nell'ambito di specifiche attività promozionali.

 

Art. 15 – Vigilanza

L’organizzazione provvede per conto dell’Ente titolare della manifestazione ad un servizio di normale vigilanza diurna e notturna, senza con ciò assumere alcuna responsabilità in ordine ad eventuali furti o danneggiamenti delle merci esposte nei posteggi o comunque giacenti nel quartiere

fieristico. La custodia e la sorveglianza dei posteggi competono ai rispettivi espositori, per l’intero orario di apertura della Rassegna, sia durante lo svolgimento della manifestazione, sia nei periodi di

allestimento e di smobilitazione. Si raccomanda, pertanto alle ditte che espongono oggetti facilmente asportabili, di essere presenti nel proprio posteggio per tutta la durata dell’orario giornaliero.

L'ente organizzatore, inoltre, provvederà, anche attraverso i propri organi di Polizia ed il personale di staff, a vigilare sulla complessiva regolarità di svolgimento della manifestazione, sul rispetto del presente Regolamento e del contratto stipulato, oltre che sulla corretta applicazione dei prezzi della biglietteria, delle tariffe per gli spazi e dei premi agli allevatori, come previsto al precedente art. 13.

Il personale di staff dell'ente organizzatore, preposto all’espletamento dei compiti di cui al precedente comma, sarà identificato attraverso una tessera di riconoscimento resa visibile.

 

Art. 16 – Assicurazioni

È fatto obbligo all’espositore, di assicurarsi presso compagnie o società da lui scelte, contro tutti gli eventuali rischi, compresi quelli di furto, incendio, responsabilità civile verso terzi, infiltrazioni e cadute d’acqua, ecc., rinunciando altresì a qualsiasi azione di rivalsa nei confronti dell’Ente.

L’assicurazione deve essere estesa da tre giorni prima a tre giorni dopo la manifestazione.

L’Espositore è responsabile per tutti i danni a persone e cose causati dalle attrezzature presenti nell’area messa a disposizione.

L’organizzazione provvede alla copertura assicurativa per tutti gli eventuali danni a persone e cose provocati nelle restante parti del quartiere fieristico.

 

Art. 17 – Prevenzione infortuni e sicurezza

Solo eccezionalmente e previa autorizzazione scritta dell'ente organizzatore, i macchinari esposti possono essere azionati, purché ciò non costituisca pericolo o molestia. È fatto obbligo all’Espositore di provvedere affinché i macchinari stessi siano muniti di dispositivi atti a prevenire gli infortuni, gli incendi, i rumori, i cattivi odori e l’eliminazione di gas o liquidi. L’espositore, inoltre, è tenuto ad ottemperare alle verifiche ed alle disposizioni stabilite dalle leggi e dai regolamenti in vigore, al fine di ottenere dalle competenti autorità, i necessari nulla osta. In particolare, si richiama l’osservanza delle norme E.N.P.I. e delle vigenti normative in materia di prevenzione e sicurezza sia per i macchinari, gli impianti e le attrezzature in azione che per quelli in

esposizione. Sono tassativamente vietati i carichi sospesi. È fatto divieto a tutti gli espositori della Rassegna, ivi compresi quelli che espongono i bovini, suini, equini, ovini e caprini, di iniziare le operazioni di smobilitazione degli stand e carico delle merci o animali prima della chiusura ufficiale della RACI che avverrà alle ore 20,00 dell’ultimo giorno.

 

 

 

Art. 18 – Forniture e allacci

L’organizzazione, nei limiti degli impianti a propria disposizione, provvede alla fornitura dell’energia elettrica, dell’acqua e di altre particolari prestazioni tecniche riservandosi il diritto insindacabile di accettare o meno le richieste. L'ente organizzatore trasferisce agli espositori garanzie e rischi derivanti dal contratto stipulato con le aziende erogatrici.

La richiesta di allacciamento dovrà essere inoltrata all'ente organizzatore a mezzo dell’apposito modulo contenuto nella richiesta di partecipazione, per i settori dove è prevista la fornitura di corrente elettrica. La ditta provvede a proprie spese all’installazione degli impianti dal punto di consegna dell’energia al punto di utilizzo. Detti impianti dovranno essere eseguiti da tecnici specializzati nel pieno rispetto delle normative di legge. La ditta solleva l'ente organizzatore da ogni

e qualsiasi responsabilità in relazione a possibili incidenti dovuti a imperizia o a guasti degli impianti sia nei confronti dei propri dipendenti che di terzi.

 

Art. 19 – Vendita

La vendita diretta degli stand è subordinata alle norme vigenti in materia. La somministrazione di alimenti e bevande, anche sotto forma di degustazioni, deve garantire il rispetto delle norme igienico-sanitarie. L’espositore, per effettuare la vendita deve essere in possesso delle necessarie autorizzazioni previste dalla normativa vigente, sollevando l'ente organizzatore da ogni responsabilità per eventuali violazioni in materia.

 

Art. 20 – Ingresso merci

L’introduzione di merci o derrate destinate all’approvvigionamento degli stand adibiti alla vendita di prodotti è consentito dalle ore 7,00 ore 8,00 di ogni giorno. Gli automezzi del rifornimento sui quali viaggeranno persone munite di autorizzazioni, sono dotati di apposito contrassegno rilasciato dall’organizzazione e devono entrare e uscire esclusivamente attraverso la porta che sarà indicata sullo stesso. Per nessun motivo è permesso prelevare le merci esposte prima della chiusura della manifestazione a meno che tali oggetti non vengano immediatamente rimpiazzati. Per tale operazione è richiesta l’autorizzazione scritta dell’organizzazione.

 

Art. 21 – Tessere

Ogni espositore avrà diritto a 4 tessere di ingresso gratuite per il personale preposto allo stand. Tali

tessere sono intestate alla persona, non cedibili e strettamente personali. All'espositore verranno consegnati  biglietti omaggio nella proporzione di uno ogni 3 mq acquistati.

 

Art. 22 – Diritti di riproduzione

I prodotti e le merci esposte, nonché i posteggi che le ospitano, non potranno essere fotografati, cinematografati o comunque riprodotti senza l’autorizzazione scritta dell’espositore interessato o dagli Enti. Gli Enti si riservano il diritto di riprodurre o autorizzare la riproduzione di vedute di insieme o di dettaglio esterne o interne.

 

Art. 23 – Pubblicità

Ogni espositore può svolgere azione pubblicitaria all’interno del posteggio, per la propria ditta e per le proprie rappresentanze, purché ciò avvenga in conformità delle disposizioni di legge, delle norme di P.S. e di quelle degli artt. 6 e 7 del presente disciplinare. Qualsiasi forma di pubblicità visiva (cartelli, insegne, allestimenti) sonora, cinematografica o audiovisiva svolta nell’ambito del posteggio, è soggetta alla imposta comunale, ai sensi del D.L.S. 507/93. La pubblicità effettuata a mezzo di apparecchi amplificatori e simili, e quella cinematografica con colonna musicale, è soggetta al preventivo permesso di esecuzione, rilasciato dalla SIAE, previo pagamento dei relativi diritti e dell’imposta comunale. Sono vietate tutte quelle forme che per la loro esteriorità e la loro sostanza, possono costituire rapporto di diretto raffronto con altro espositore. L’organizzazione può provvedere alla stampa e diffusione del catalogo ufficiale, il quale conterrà indicazioni riguardanti le adesioni da parte degli espositori. L'ente organizzatore può prevedere la stampa e diffusione di altre pubblicazioni di diversa natura, con le quali si riserva il diritto di illustrare e propagandare la RACI in qualsiasi momento ed in qualsiasi ambiente, sia in Italia che all’estero.

 

Art. 24 - Divieti

E’ fatto esplicito divieto di:

A) porre in azione i macchinari esposti, salvo quanto previsto all’art.18;

B) sostare all’interno del quartiere durante le ore di chiusura della Fiera, salvo quanto previsto agli artt.7 e 9;

C) circolare e sostare con veicoli di qualsiasi genere all’interno della zona di esposizione;

D) accendere o provocare fuochi e introdurre materie esplosive, prodotti detonanti e pericolosi, maleodoranti o comunque suscettibili di provocare danno o molestia;

E) far uscire dal quartiere fieristico prodotti o materiali o automezzi durante il corso della Fiera senza l’autorizzazione dell’Ente;

F) distribuire materiale pubblicitario (riviste, cataloghi, opuscoli, depliant, ecc.) non di pertinenza dell’espositore, il quale, peraltro, può provvedere a tale distribuzione solo nel proprio posteggio;

G) usare il marchio della RACI al di fuori della manifestazione

H) svolgere nel quartiere, propaganda politica sotto qualsiasi forma;

I) introdurre cani nel padiglione B;

J) provocare molestia o turbativa sotto qualsiasi forma, al regolare svolgimento della manifestazione, pena l’immediata esclusione dal quartiere fieristico;

K) vendere merci diverse da quelle dichiarate in sede di iscrizione e comunque non inerenti la manifestazione.

L’inosservanza di tali norme e, in genere, l'inosservanza delle disposizioni del presente disciplinare, può dar luogo, anche in relazione alla sua gravità, a insindacabile giudizio dell'Organizzazione, alla chiusura del posteggio dell’espositore senza rimborso delle quote pagate e salvo ogni danno per l'ente organizzatore e/o alla esclusione dell'espositore dalle prossime edizioni della RACI.

 

Art. 25 – Obblighi

All’espositore è fatto obbligo di provvedere alla pulizia del proprio posteggio, deponendo i rifiuti secondo la tipologia dei materiali da smaltire, negli appositi contenitori che verranno predisposti all’esterno dei padiglioni subito dopo la chiusura.

 

Art. 26 – Esclusioni

Di fronte ad infrazioni, anche ad una sola clausola del presente Disciplinare, l'ente organizzatore avrà diritto di escludere immediatamente l’espositore che si sia posto in contravvenzione. In questo caso, non verrà riconosciuto alcun rimborso.

 

Art. 27 – Sicurezza

L’espositore dichiara di essere in regola con gli adempimenti previsti dal D. Lgs. 81/2008, in merito alla sicurezza per la salute dei lavoratori dipendenti; di essere stato edotto circa i rischi derivanti dagli impianti e dalla struttura del Quartiere Fieristico; di aver preso completa ed esatta conoscenza delle condizioni del padiglione dove partecipare, nonché della viabilità e degli accessi e di aver attentamente vagliato tutte le circostanze generali e particolari, nonché i rischi e le interferenze, valutate mediante compilazione del DUVRI.

 

Art. 28 – Annullamento della manifestazione

Nel caso in cui la manifestazione per qualsiasi motivo non potesse aver luogo, gli espositori avranno diritto alla restituzione della somma versata a titolo di partecipazione.

 

Art. 29 – Controversie

In ogni caso di contestazione, ferma restando la possibilità di esperire previamente la procedura di conciliazione presso la Camera di Commercio di Macerata, in vigore alla data del deposito della relativa domanda, il foro competente è quello di Macerata.

 

Art. 30 – Privacy

Ai sensi del D. Lgs. 196/2003, tutte le informazioni ottenute nell’ambito della manifestazione saranno trattate ed utilizzate per lo svolgimento delle attività inerenti alla manifestazione e, comunque, nell’ambito delle finalità istituzionali della l'ente organizzatore.

 

Allegati

- PDF del Regolamento

- Domanda di ammissione 2018

Organizzato da

Comune di Macerata

Con l'Alto Patrocinio
Con il contributo di
Partner

Partner